1857 Views |  6

3 consigli per Facebook Video

I Video su Facebook sono esplosi con circa 4 miliardi di visite giornaliere, ed è un numero altissimo considerata la piattaforma di diffusione ma, analizzando la massiccia quantità di tempo che le persone trascorrono sul social network, non è una sorpresa che stia rapidamente diventando il maggior rivale di YouTube come piattaforma scelta per il video marketing.

Il potenziale per i brand per sfruttare i contenuti video su Facebook, tuttavia può risultare difficile perchè sono finiti i giorni che bastava assemblare delle immagini con una musica per rendere virale un video. Adesso le aziende devo essere furbe se vogliono viralizzare qualcosa che riesca a convertire con i clienti.

In questo post, vogliamo dare 3 consigli affinchè gli sforzi di marketing che fai vengano premiati.

Consiglio nr.1: l’algoritmo di Facebook per i video

Facebook ha fatto alcuni grandi cambiamenti nel modo in cui i contenuti vengono distribuiti attraverso la sua piattaforma; il video ha preso la parte principale rispetto al post scritto aggiunto ad un’immagine.
Un recente studio, condotto da Socialbakers, indica che un video riceve un’audience naturale dell’8,7 per cento; questo significa che quasi nove utenti su 100 vedranno un post video. C’è un però: i post realizzati con i video caricati direttamente sulla piattaforma di Facebook sono molto più efficaci rispetto a quelli realizzati collegando ad un post un video presente su YouTube o Vimeo o simili. Questo perchè l’algoritmo di Facebook, ovviamente tirando l’acqua al proprio mulino, premia i video che sono caricati direttamente sulla piattaforma rispetto a quelli che sono linkati ad un sito esterno(come quello di YouTube ad esempio).
PopSugar ne è un esempio lampante. Prima i loro post venivano creati linkando un video preso dal canale YouTube, ed avevano una media di circa 20.000 visite: da quando hanno iniziato a caricarli direttamente nella piattaforma di Facebook a fine 2014, come scrive digiday in questo articolo (http://digiday.com/publishers/popsugar-went-zero-14-mil-facebook-video-views-month/) hanno raggiunto la cifra di quasi 15 milioni di visualizzazioni.

Ci sono alcuni punti da tenere presente in merito alla strategia utilizzata da PopSugar per ottimizzare i suoi video di Facebook.
In primo luogo, PopSugar ha utilizzato un testo in grassetto nel video, perchè i video caricati nella piattaforma, quando partono automaticamente lo fanno senza alcun audio. In questo modo sono riusciti a creare un’esperienza coinvolgente per l’utente anche senza l’uso della musica nel video .

In secondo luogo, l’azienda mantiene il video breve, il quale funziona bene per gli utenti di Facebook che possono essere distratti da altro. Se condividi un link video da YouTube in Facebook, quest’ultimo non farà partire automaticamente il video con l’autoplay e sceglierà automaticamente la risoluzione di qualità inferiore.

Consiglio nr.2: la sezione “popolari” di Facebook Video.

Facebook ama le nuove tendenze. La sezione “Popolari” introdotta sulla versione desktop del sito nel gennaio 2014 e successivamente su mobile nel dicembre 2014, ha permesso agli utenti di Facebook di scoprire gli argomenti di tendenza in cinque categorie predefinite: politica, economia, scienza, tecnologia, sport e intrattenimento.

Con la sezione “News Feed” il social network ha definito le priorità di tutti i messaggi che corrispondono a eventi nuovi, o a un trend di notizie, consentendo la creazione di video messaggi che ruotano attorno alle notizie più seguite in un determinato momento. Poichè la popolarità di una notizia può scendere rapidamente, affinchè il tuo post ottenga la posizione più in alto nella sezione “Notizie”, avrai bisogno di agire subito, come ad esempio creare un video abbinandolo con degli hashtag pertinenti durante la pubblicazione.

Pampers UK ha utilizzato questa tecnica per la nascita del nuovo bambino reale, la principessa Charlotte, pubblicando un video su Facebook dal titolo “Ogni bambino è un principe o una principessa”: il video, che celebra tutte le nascite, reali o non, ha generato oltre 4 milioni di visualizzazioni dal 3 maggio 2015.
Puoi vedere il video a questo link:
https://www.facebook.com/PampersUKIre/videos/vb.207806669280697/917994404928583/?type=2&theater

Consiglio nr. 3: acquisisci contatti con un video “call-to-action”

Ora che abbiamo imparato che caricare un video direttamente sulla piattaforma di Facebook ci posizionerà meglio tra i risultati organici nel suo ecosistema, quello che ancora devono capire i brand è la possibilità di incrementare i propri contatti con una chiamata all’azione finale, detta call-to-action, all’interno del proprio post video. Dopo che un video su Facebook viene riprodotto, la schermata si presenterà con due opzioni: “riproduci di nuovo” o fai clic su una call-to-action.

Un qualcosa tipo “Compra ora a questo link” oppure “Sottoscrivi la nostra newsletter gratuita adesso” è un buon metodo, per un brand, per aumentare i propri contatti che vedano un video su Facebook.
Gli strumenti, come un invito personalizzato all’azione, permettono alle aziende di avere più controllo su ciò che accade al termine del video, rendendolo più efficace nella conversione di potenziali clienti in clienti effettivi.
Questi consigli che abbiamo proposto, ti aiuteranno ad aumentare la audience naturalmente, grazie a questo servizio del social network più famoso nel mondo anzi, se tu stesso hai altri suggerimenti per padroneggiare l’algoritmo dei video di Facebook, ti invitiamo a condividerli con noi nei commenti.
Ciao!